NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili. Per la navigazione continua, si accetta l'uso dei cookies su questo sito.

Approvo

Norma UNI 10637 - Partie 2

pubblicato su 12 Luglio 2016

Categoria : Costruzione

Norma UNI 10637 - Partie 2

FILTRI A DIATOMEE

I filtri a diatomee devono essere dotati di supporti rigidi o elastici rivestiti in tessuto sui quali viene fatto depositare uno strato di farina fossile (diatomee) che costituisce il manto filtrante. La sostituzione delle diatomee deve essere fatta periodicamente in modo da garantire sempre il buon funzionamento del filtro. la differenza di pressione tra il filtro pulito e la rigenerazione è di 0,7 bar.
L’acqua di rigenerazione che contiene diatomea esausta, deve essere considerata acqua di scarico.
La velocità di filtrazione massima consentita deve essere <= 10 m3/h. Su questi filtri non è consentita la flocculazione.

IMPIANTI DI DISINFEZIONE

Ogni piscina deve avere un impianto di disinfezione ad essa dedicato.
Per le piscine di tipo A e B, si utilizzano le sostanze previste dall’atto Stato- regioni e precisamente:

  • cloro liquido (clorogas liquefatto)
  • ipoclorito di sodio
  • ipoclorito di calcio
  • dicloroisocianurato di sodio anidro
  • dicloroisocianurato di sodio biidrato
  • acido tricloroisocianurico
  • ozono

Per riportare il valore del cloro ai requisiti dell’acqua di vasca dopo un trattamento d’urto è consentito, in assenza di bagnanti, l’uso di tiosolfato o solfito/bisolfito di sodio.

IMPIANTO DI DOSAGGIO A BASE DI CLORO

Durante i periodi di apertura al pubblico delle piscine di tipo A, B o C non è ammessa l’immissione diretta in vasca o in punti accessibili agli utenti (skimmers, canaletta del bordo sfioratore) di sostanze a base di cloro. L’immissione deve avvenire solamente dall’impianto di circolazione, per mezzo di impianti di dosaggio automatici o manuali.
Inoltre detti impianti devono essere interbloccati con l’impianto di circolazione, per evitare immissioni di prodotto senza circolazione.

L’immissione diretta in vasca è consentita solo in assenza di bagnanti (trattamento d’urto) e la balneabilità potrà essere ripresa solamente quando i valori del cloro saranno tornati normali.
Le soluzioni a base di cloro per le pompe dosatrici devono essere contenute in serbatoi idonei e avere una scorta per una durata

Pool IT
Contatti